Travel Safe

Consigli per viaggiare in sicurezza Ultime notizie
 Charco Azul nei pressi di Chulilla a Valencia, Comunità Valenciana

Ruta de los Pantaneros a Chulilla

Chulilla

Valencia-València

Ponti sospesi sulle anse del fiume Turia


Il grazioso paese di Chulilla dalle bianche e strette vie, a soli 45 minuti da Valencia, il capoluogo, è il punto di partenza di questo itinerario. I circa 500 abitanti della località vedono arrivare escursionisti ogni giorno pronti a percorrere i suoi sentieri. Uno dei più famosi è quello della Ruta de los Pantaneros. Scopri questo cammino circolare che ti porterà fino all’Embalse de Loriguilla attraverso il canyon formato dalle anse del fiume Turia, che attraversa spettacolari ponti sospesi in legno.

Panorami incredibili

Prima della camminata, la mattinata può cominciare con una buona colazione in plaza de la Baronía, con la successiva salita fino al Castello di Chulilla, dove potrai lasciarti sorprendere dalla bellissima vista offerta da uno dei punti più alti del paese. Altrettanto affascinante è la vista dai punti panoramici situati all’inizio del percorso: quello di Compuertas (da cui si osserva l’opera idraulica degli inizi del XX secolo che regola il flusso d’acqua del fiume) e quello della Carrucha, che consente di ammirare il Charco Azul (un lago idilliaco che sembra una piscina naturale) e il Salto, il principale restringimento del canyon del Turia.

"Una curiosità: l’itinerario coincide con la strada che percorrevano gli operai di Chulilla che costruirono l’Embalse de Loriguilla negli anni ‘50 per spostarsi dal paese al luogo di lavoro."

Lungo il sentiero troverai un ambiente affascinante con una piccola cascata. Rilassati grazie ai suoni e alla vista della natura dei Calderones: una gola profonda con pareti di oltre 80 metri di altezza.

Panoramica di Chulilla e le gole nei pressi di Valencia, Comunità Valenciana

Camminando sui rilievi

L’itinerario continua costeggiando la parte superiore della gola e attraversandola da un lato all’altro tramite due ponti sospesi, senza dubbio uno dei momenti più speciali del percorso. Il primo, con un’altezza di 15 metri sul fiume e una lunghezza di 20 metri, potrebbe farti girare un po’ la testa mentre lo attraversi, ma è assolutamente sicuro. L’altro è più lungo, circa 28 metri di lunghezza e poco più di 5 metri di altezza. Entrambi sono stati costruiti nel 2013, dato che gli originali sparirono con la piena del Turia che inondò Valencia nel 1957.

Varie immagini di ponti sospesi sul fiume Turia nei pressi di Chulilla a Valencia, Comunità Valenciana

Un luogo privilegiato per l’arrampicata

Il resto del cammino fino al bacino si sviluppa su un sentiero stretto pieno di vegetazione, dove gli escursionisti possono godere di ambienti diversi, come il bosco ripariale e la macchia mediterranea. Lungo il cammino sono conservati resti antichi di altre epoche, come le rovine dell’Eremo di San José de los Gancheros, del XVIII secolo, luogo di accoglienza dei falegnami in passato. Inoltre, con un po’ di fortuna, potrai ammirare lo spettacolo degli scalatori che avanzano in verticale lungo le alte pareti del canyon, essendo l’arrampicata un’altra delle principali attrazioni di questo luogo.All’arrivo all’Embalse de la Loriguilla, riposa e recupera le forze con uno spuntino prima del ritorno, che avviene lungo la stessa strada, fino a Chulilla.

Consigli e raccomandazioni

Come accedere

L’itinerario dei ponti sospesi di Chulilla si compie a partire dal paese stesso, raggiungibile tramite l’A-3 dalla città di Valencia (a circa 60 chilometri).

Paese di Chulilla a Valencia, Comunità Valenciana

Da tenere in considerazione

Si consiglia, prima di iniziare il cammino, di passare dall’ufficio turistico di Chulilla per avere tutte le informazioni.Questo percorso si può intraprendere in qualsiasi periodo dell’anno. Se viaggi in estate, evita le ore più intense di sole.Se c’è molta gente, dai la precedenza e fermati se necessario. I ponti sospesi devono essere attraversati a turno.Se l’itinerario si compie con bambini, è necessario prendere le opportune precauzioni nei primi 50 metri, essendo i più difficoltosi.

Che altri itinerari puoi percorrere?

Alcuni dei più consigliati sono quello del Charco Azul (dove puoi fare il bagno in estate), quello della grotta del Gollisno o quello delle pitture rupestri del Paleolitico. 

Cosa fare

Cos’altro vedere nelle vicinanze